1917 – Il nonno di Sam Mendes e il piano sequenza

1917 locandina
1917 locandina

Al culmine della prima guerra mondiale, nel 1917, due giovani soldati britannici, Schofield e Blake, ricevono la missione di dover attraversare il territorio nemico e consegnare un messaggio che arresterà un attacco mortale contro centinaia di soldati, tra cui il fratello di Blake.

La cinematografia, la recitazione e la descrizione degli effetti che la guerra ha avuto sugli uomini rendono 1917 un capolavoro.

Un altro aspetto meraviglioso di questo film è l’uso della musica. Infatti, non appena si verifica un incidente, la musica sale in un crescendo. Se invece lo spettatore deve contemplare la scena o i personaggi, la musica si ferma completamente, quasi a non voler essere elemento di disturbo.

Come in molti sapranno, 1917 è stato girato usando la tecnica di un unico piano sequenza dalla durata di due ore. In realtà, è un informazione sbagliata poiché di più riprese che poi sono state montate abilmente da sembrare una sola ripresa. Nonostante questo, scegliere questa tecnica è stata una scelta azzeccata soprattutto perché questo dà la possibilità allo spettatore di essere coinvolto maggiormente nella storia.

nonno di Sam Mendes

Nei titoli di coda si scopre che il film è tratto da una storia che il nonno di Sam Mendes gli raccontava quando era ragazzo. Durante un podcast di Variety, Mendes racconta che ha scritto 1917 sulla base di un frammento di storia del nonno. Suo nonno aveva combattuto durante la Grande Guerra e che a lui era stato affidato il compito di consegnare un messaggio.

Qui il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=gZjQROMAh_s

Rispondi